La logopedia al San Camillo: diagnosi e patologie trattate

2021-10-07
La logopedia al San Camillo: diagnosi e patologie trattate

Uno degli ambiti d’eccellenza del San Camillo riguarda il servizio di logopedia e foniatria, dove vengono definiti percorsi di cura e di riabilitazione per il trattamento dei disturbi della comunicazione e del linguaggio, grazie al lavoro dell’equipe multidisciplinare.

Il Servizio di logopedia prende in carico in regime ambulatoriale, in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale o privatamente, i soggetti con i disturbi della comunicazione e della deglutizione come i disturbi specifici del linguaggio, i disturbi dellapprendimento, le deglutizioni disfunzionali, i disturbi della voce. Vengono presi in carico anche tutti quei pazienti con quadri patologici legati a eventi neurologici e a patologie neurodegenerative.

Ma come funziona il servizio e di cosa si occupa nello specifico?

 

La differenza tra logopedista e foniatra

Prima di capire a chi rivolgersi, è bene comprendere gli ambiti d’azione di queste due figure professionali. Il logopedista è il professionista sanitario che si occupa di prevenzione, valutazione e trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio, della comunicazione e della deglutizione in età evolutiva, adulta e geriatrica.

Il foniatra è invece il medico specialista che si occupa della diagnosi e della cura dei disturbi relativi alla deglutizione e a tutti gli aspetti della comunicazione umana: voce, parola e linguaggio.

 

Come avviene una diagnosi di logopedia

Nell’ambulatorio viene dedicata particolare attenzione alla diagnosi e alla presa in carico precoce del paziente. È necessario infatti che il logopedista intervenga quanto prima, e che tutte le attività proposte siano svolte all’interno di un percorso che coinvolge tutte le figure professionali dell’équipe riabilitativa.

Le linee guida attuali per la diagnosi e la presa in carico prevedono le seguenti fasi:

  • Valutazione logopedica: test formali utili a valutare le capacità comunicative e linguistiche del soggetto;
  • Stesura piano di intervento: definizione di obiettivi a breve e a lungo termine condivisi, prima dell'attuazione dell'intervento, con il soggetto e con la famiglia;
  • Trattamento riabilitativo;
  • Verifica intervento: riproposizione della valutazione iniziale allo scopo di analizzare il raggiungimento, o meno, degli obiettivi prefissati.

Il foniatra, in presenza di disturbi della voce (disfonia) e della deglutizione (disfagia), esegue una visita che prevede un’indagine strumentale (nasofibroscopia) attraverso la quale indirizza il logopedista verso il trattamento specifico e personalizzato più efficace per il paziente.

 

Quando rivolgersi al logopedista

In età evolutiva è bene consultare il logopedista se il bambino:

  • a circa 2 anni non ha ancora iniziato a parlare e fa fatica a farsi capire
  • non si esprime in maniera comprensibile dopo i 3 anni
  • non pronuncia bene alcuni suoni
  • non è sempre in grado di comprendere ciò che gli viene detto
  • fa fatica a formulare frasi corrette
  • non deglutisce bene
  • ha difficoltà legate alle funzioni orali
  • balbetta
  • ha difficoltà a scrivere, leggere ed eseguire i calcoli.

In età adulta e geriatrica è importante rivolgersi al logopedista se sono presenti:

Degenza

Il Presidio sanitario San Camillo, in qualità di ospedale specializzato in Recupero e rieducazione funzionale...

Day Hospital

La degenza a ciclo diurno presso il Presidio sanitario San Camillo consiste in un ricovero programmato...

Prenotazione prestazioni private

In questa sezione potete richiedere la prenotazione per una prestazione ambulatoriale privata...

Convenzioni

Il Presidio Sanitario San Camillo è convenzionato con assicurazioni, fondi e casse integrative per l'erogazione...