Come si svolge una seduta di onde d’urto focali?

2024-06-10
Come si svolge una seduta di onde d’urto focali?

Il paziente viene accolto in un ambiente dedicato al trattamento all'interno dell'ambulatorio di fisiatria. L’applicazione ha una durata di circa 10 minuti, è svolta sempre sotto il controllo medico ed ecografico, e talvolta può causare un minimo dolore.

Le onde d’urto focali sono impulsi sonori capaci di operare un massaggio cellulare riattivante e rigenerante, che stimola la guarigione dei tessuti trattati; può risultarne un’infiammazione momentanea, sulla quale lo specialista interviene con una terapia farmacologica antalgica, senza ricorrere agli antiinfiammatori.

Cosa succede se torna il dolore?

La fisioterapia con onde d’urto focali è di breve durata e non invasiva. In generale è ben tollerata, ma nel caso in cui il paziente, dopo il trattamento e una volta rientrato a casa, avverta un riacutizzarsi del dolore, il medico  può consigliare di proseguire la terapia antidolorifica prescritta.

 

Ti potrebbe interessare anche: Le onde d'urto in campo muscolo-scheletrico

Prenotazione prestazioni private

In questa sezione potete richiedere la prenotazione per una prestazione ambulatoriale privata...

Convenzioni

Il Presidio Sanitario San Camillo è convenzionato con assicurazioni, fondi e casse integrative per l'erogazione...

DICONO DI NOI - Leggi gli articoli che vedono il Presidio Sanitario San Camillo protagonista

 

Mi chiamo Alessandra Comazzi, sono giornalista, torinese, ho 67 anni e sono neuropatica. Mi occupavo di spettacoli, facevo il critico televisivo per un quotidiano, La Stampa. Adesso mi occupo soprattutto di tornare a camminare e di reimparare a usare le mani. Un bel salto anche emotivo. Perché c’è la fede, certo, ma poi ci sono la carità, e la speranza. Le tre virtù cardinali. E ho imparato che forse, in certi momenti difficili, proprio la speranza è la virtù più impervia.

Rosso 32. Era il mio codice identificativo al San Camillo, il presidio sanitario che a Torino è specializzato in riabilitazione. I reparti dell’ospedale hanno il nome dei colori, Verde, Giallo, Lilla, Azzurro e, appunto, Rosso. Il 32 era il numero del mio letto. Un modo, forse, per colorare la vita dei pazienti affetti da menomazioni e disabilità, molti dei quali con validi motivi per vedere la vita in nero fosco, al massimo grigio. Potrebbe sembrare un modo puerile per affrontare la sofferenza, ma i padri Camilliani sanno quello che fanno.

 

Leggi la testimonianza nell'articolo de L'Osservatore Romano

25 giugno 2024
La medicina narrativa sperimentata in prima persona

La toccante testimonianza di una nostra paziente in un articolo de L'Osservatore Romano

21 giugno 2024
Come il fisioterapista affronta i disturbi dell'equilibrio?

Un approccio multidisciplinare combina diversi esercizi di riabilitazione per il recupero del controllo funzionale.

17 giugno 2024
Chi soffre di osteoporosi è più facilmente soggetto a fratture

I suggerimenti dell’esperto per ridurre i rischi in casa per gli anziani.