I disturbi dello spettro autistico: di cosa si tratta?

2023-02-14
I disturbi dello spettro autistico: di cosa si tratta?

 

Che cos’è l’autismo?

Quando parliamo di autismo, ci sono vari sinonimi ma al giorno d'oggi intendiamo sindrome autistica, proprio per dare un'idea di uno spettro di una varietà e di rispetto dei vari individui e delle loro famiglie.

Nel tempo si sono avvicendati termini quali disturbo della alterazione globale dello sviluppo, disturbo generalizzato dello sviluppo, disturbo pervasivo dello sviluppo. Sono tutti sinonimi. 

Al giorno d'oggi intendiamo il disturbo dello spettro autistico come un disturbo generalizzato a una serie di funzioni evolutive del bambino a partire sin dall'età precoce.

Il termine e il suo contenuto etimologico (autos) fa riferimento a se stesso, quindi a una chiusura del soggetto nei confronti di quella che l'interazione e la quotidianità che lo circonda. 

La caratteristica principale è definita da una diade, ovverosia parliamo di comunicazione affettiva dove la realtà della socialità e quella della comunicazione sono state fuse insieme e associate a dei disturbi che sono dei comportamenti di carattere per l'appunto atipico: fissità per certi interessi, tendenza a ripetere determinati argomenti. 

Ciò si rapporta con le varie età di sviluppo e di crescita del bambino.

Quali sono i sintomi dell’autismo?

Alla nascita del bambino ci sono delle evidenti alterazioni neurologiche ma anzi, possiede una condizione di benessere a livello di comunicazione, di interazione, di sguardi, di gioco e di modalità di scambio con le persone che vi sono accanto, in primis i genitori e la famiglia allargata.

Pian piano però, nel primo anno di vita o nei primi 12/18 mesi,  questi elementi è come se andassero a decrescere.

Quindi certe funzioni che si stavano sviluppando si vanno riducendo, qualche esempio:

  • Gli albori di una comunicazione verbale che si va poi a ridurre. 
  • bambini che incominciano a indicare e perdono la capacità di indicare o non l'hanno mai acquisita. 
  • bambini che incominciano ad avere delle difficoltà di disturbo a livello sensoriale. Cominciano quindi a dimostrare fastidio per determinati suoni, per esempio tappandosi le orecchie. 
  • Non hanno un’interazione ordinaria con il genitore, la coppia genitoriale

A che età si può diagnosticare l’autismo? 

Una quindicina di anni fa le diagnosi di autismo incominciavano a essere definite quando un bambino aveva già intorno ai cinque o sei anni. Immaginiamo tutto il tempo intercorso dalla nascita a un'epoca di questo tipo. 

Presso i centri di neuropsichiatria territoriali nazionali che abbiano delle competenze formative adeguate, oggi riusciamo a fare diagnosi con una discreta consapevolezza da un'età  compresa tra i 18 e i 24 mesi.

Le linee guida ci dicono che è fondamentale che il bambino al contempo entri in un contesto sociale. Quindi abbiamo delle ipotesi diagnostiche che possono essere suffragate nel momento in cui il bambino entrando al nido o alla scuola materna, quindi intorno 18/ 24 mesi per il nido o intorno 36 mesi per la scuola materna.

 

Dott. Giovanni Geninatti Neni
Neuoropsichiatra infantile 

Ti potrebbe interessare anche: Cosa prova un bambino affetto da disturbo dello spettro autistico quando entra in una nuova casa?
Prenotazione prestazioni private

In questa sezione potete richiedere la prenotazione per una prestazione ambulatoriale privata...

Convenzioni

Il Presidio Sanitario San Camillo è convenzionato con assicurazioni, fondi e casse integrative per l'erogazione...

16 maggio 2024
Corsi di formazione avanzata: spettro autistico e fenotipo femminile

Aprono le iscrizioni al corso di formazione online che mette a tema l’autismo femminile.

15 maggio 2024
Riabilitazione Parkinson

La nostra equipe multidisciplinare è pronta ad assistere il paziente e i caregiver attraverso un approccio riabilitativo innovativo

12 maggio 2024
Giornata internazionale dell’Infermiere

Celebriamo una componente cruciale per il funzionamento della nostra struttura e il benessere dei pazienti