Problemi di memoria: quando è necessaria una valutazione neuropsicologica?

2024-06-26
Problemi di memoria: quando è necessaria una valutazione neuropsicologica?

I primi segnali di perdita di memoria possono causare ansia e preoccupazione: è naturale che il paziente abbia dubbi sull'eventuale insorgenza di una patologia.

 

La valutazione neuropsicologica consente di individuare l’origine, la tipologia e l'entità dei sintomi, fornendo una prima chiara diagnosi.

In caso di riscontro oggettivo di un quadro patologico, si potrà pianificare un tempestivo trattamento riabilitativo finalizzato a contenere i sintomi e a ridurne l'interferenza con il normale svolgimento delle attività quotidiane del paziente.

Lo specialista può inoltre suggerire strategie efficaci per l'apprendimento di tecniche di compensazione delle capacità indebolite.

 

 

Il profilo cognitivo del paziente redatto dal neuropsicologo consente anche di monitorare l'andamento della sintomatologia nel tempo, verificando l'efficacia del trattamento riabilitativo e monitorando la traiettoria di sviluppo di un'eventuale patologia degenerativa.

 

 

Ti potrebbe interessare anche: Un giovane deve preoccuparsi se ha poca memoria?

12 luglio 2024
Vi racconto la mia malattia: i medici e la fede mi hanno salvata

La storia di Alessandra, paziente del nostro Presidio.

12 luglio 2024
Qual è il ruolo dell’infermiere nel percorso post-ictus?

L’anello di congiunzione tra le diverse figure del progetto riabilitativo.

22 marzo 2024
Il linfedema: di cosa si tratta?

Una patologia cronica che coinvolge il sistema linfatico.