Il progetto Chicco Cotto per l'autismo

san camillo torino bilancio sociale capitale economico finanziario organizzativo

Una delle eccellenze che caratterizza il Presidio Sanitario è il lavoro fatto per la riabilitazione dai Disturbi dello spettro autistico. Nel 2003 al San Camillo è nato il DH VEGA, che prende in carico i soggetti afflitti da tale patologia, affrontandola con un équipe multidisciplinare all'interno di quelle che sono le Linee Guida Regionali. Forte di questa esperienza ormai quindicennale, il San Camillo è entrato operativamente nel progetto ideato dal Chicco Cotto, società cooperativa Onlus che gestisce distributori di snack e di bevande fredde e calde.

Lo scopo di Chicco Cotto, nato come laboratorio didattico scolastico, è coinvolgere i ragazzi delle scuole medie affetti da disabilità, oppure con bisogni educativi speciali e/o con problemi scolastici, per inserirli in ambito lavorativo nel settore del vending. Questo è possibile grazie alla presenza di insegnanti e personale specializzato al fianco dei ragazzi che, all'interno delle proprie possibilità psico-fisiche, imparano a gestire le fasi di una macchina del caldo e del freddo: dagli approvvigionamenti, al rifornimento, alla manutenzione e alla rendicontazione. Si tratta di una opportunità che permette loro, e alle famiglie, diprevenire il crescente fenomeno della dispersione scolastica, fornendo a persone svantaggiate uno strumento concreto di avviamento al lavoro. In questo modo sono resi più autonomi e autosufficienti ragazzi che, altrimenti, sarebbero costretti a rivolgersi sempre più spesso a centri di accoglienza sanitaria e personale di sostegno specializzato.

 

IL CHICCO COTTO AL SAN CAMILLO
Nel 2018 il Presidio Sanitario ha ragionato su come venire incontro a una esigenza particolarmente sentita all'interno della struttura, visto il lavoro quotidiano e concreto portato avanti con chi soffre di Disturbi dello spettro autistico. La scelta è stata quella di inserire, a febbraio 2019, otto distributori gestiti dal Chicco Cotto mentre a settembre partirà l'assunzione di un ragazzo in difficoltà, frutto della convenzione attivata con la cooperativa. Una risposta concreta, all'interno dei percorsi per l'autismo del San Camillo. Percorsi che hanno permesso alla nostra realtà di evolversi, fino alla possibilità di fare delle proposte lavorative a chi si trova in una condizione di disagio, che diventa affrontabile all'interno di un progetto.

In ospedale anche la qualità del cibo è fondamentale

Il costante raggiungimento della soddisfazione e del benessere dei fruitori: questo, fin dalla sottoscrizione del contratto, è stato l'obiettivo del Presidio Sanitario San Camillo...

Ufficio stampa: rinnoviamo la comunicazione

Per creare uno strumento di comunicazione più efficace, fruibile e puntuale, il Presidio Sanitario San Camillo ha deciso di rinnovare il proprio sito web