Come interviene il terapista occupazionale dopo un ictus?

2024-07-04
Come interviene il terapista occupazionale dopo un ictus?

Il processo riabilitativo per gli esiti di ictus cerebrale è cruciale per consentire al paziente il massimo recupero funzionale delle attività della vita quotidiana: il terapista occupazionale è il professionista specializzato in questo percorso.

 

L’attività si concentra prima di tutto sulla motivazione e sull'autostima del paziente per il ritorno alla piena autonomia nell'ambito della gestione delle attività di tutti i giorni.

 

 

Gli strumenti utilizzati per la riabilitazione sono molteplici e variano in base alle esigenze del paziente.

In una prima fase post-ictus, è necessario lavorare per il recupero della funzione lesa.

Un ampio spazio viene per esempio dedicato alla rieducazione di prensione e manipolazione, cioè al recupero dell'uso funzionale dell'arto superiore: braccio e mano, infatti, sono indispensabili per gestire la quasi totalità delle azioni pratiche.

 

In una seconda fase, se permangono delle limitazioni di carattere motorio e cognitivo, il terapista occupazionale propone strategie facilitanti, metodi compensativi e adattamenti ambientali. Talvolta capita che si debba insegnare al paziente a vestirsi, lavarsi o addirittura cucinare con una mano sola.

 

In alcuni casi è necessario adattare il domicilio del paziente con ausili di vario tipo: 

  • maniglioni o corrimano nei punti strategici della casa
  • seggiolini all'interno del box doccia
  • sostegni sulla vasca da bagno per facilitare il movimento in autonomia e sicurezza.

 

Ti potrebbe interessare anche: L’importanza della componente psicologica nella riabilitazione post ictus

12 luglio 2024
Vi racconto la mia malattia: i medici e la fede mi hanno salvata

La storia di Alessandra, paziente del nostro Presidio.

10 luglio 2024
Il servizio di fisioterapia offre la soluzione adatta a ogni situazione

Il nostro approccio multidisciplinare

08 luglio 2024
Come funziona il percorso riabilitativo a base di onde d’urto focali?

Una seduta a settimana per facilitare il recupero funzionale.